Ing. Andrea A. Salcone

consulenze e progetti per un futuro sostenibile

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La nuova classificazione energetica e le ultime leggi entrate in vigore da Ottobre 2015 impongono limiti sempre più restrittivi... è quindi necessaria ora più che mai una specifica e accurata progettazione dell'isolamento termico e dell'impiantistica dei nuovi edifici: affidatevi ai nostri professionisti! Investi su un progetto di qualità e tieniti lontano dalle controversie legali con gli acquirenti, spesso scaturite da progetti approssimativi venduti a prezzi stracciati!

 

Le detrazioni fiscali del 50% e 65% per il 2016

E-mail Stampa PDF

detrazioni 50-65Con la Legge 208/15 è stato prorogato al 31/12/2016 il termine per usufruire delle detrazioni fiscali del 50% e 65% sulle spese sostenute rispettivamente per le ristrutturazioni e le riqualificazioni energetiche degli immobili esistenti.

Sono state aggiunte alcune interessanti novità: la possibilità per i soggetti che si trovano nella c.d. “no tax area” (pensionati, dipendenti e autonomi) di cedere la detrazione fiscale loro spettante per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali ai fornitori che hanno effettuato i lavori, e l'estensione della detrazione del 65% alle spese per l’acquisto di dispositivi multimediali per il controllo da remoto di impianti di riscaldamento, climatizzazione e produzione di acqua calda (domotica).

Quale detrazione scegliere?

Innanzitutto occorre ricordare che la detrazione del 50% spetta solo per lavori di ristrutturazione in immobili residenziali. Restano quindi escluse le ditte e gli immobili produttivi che potranno avere accesso solo alla detrazione del 65% per gli interventi di efficientamento energetico. Il 50% viene riconosciuto su un massimale di spesa di 96.000 euro iva inclusa per cui l’ammontare massimo della detrazione è di 48.000 euro in 10 rate annuali (max 4.800 euro di detrazione all'anno).

Attenzione! Poiché la detrazione spetta solo per lavori di manutenzione straordinaria o più complessi (v. definizioni su DPR 380/01) è obbligatorio presentare in Comune almeno una comunicazione di inizio lavori corredata da asseverazione di un tecnico abilitato (CILA): le “comunicazioni di inizio attività  edilizia libera” (CIL) senza la relazione asseverante a firma del tecnico professionista sono possibili solo per interventi di “manutenzione ordinaria” e pertanto non possono fruire della detrazione fiscale (ad eccezione di interventi su parti comuni condominiali).

La detrazione del 65% è invece fruibile indifferentemente da privati e imprese, per immobili di qualsiasi categoria catastale, e riguarda specifiche categorie di interventi che hanno effetto sull’efficienza energetica dell’edificio. I massimali di spesa sono variabili in base alla tipologia di intervento e l’ammontare massimo della detrazione va da 30.000 euro (impianti termici) a 60.000 (impianti solari / sostituzione infissi) fino a 100.000 euro (interventi più rilevanti sull’intero immobile), sempre su un periodo di 10 anni.  

Quali interventi sono agevolabili?

Con il 50% sono agevolabili praticamente tutte le tipologie di spese riconducibili all’intervento di ristrutturazione, anche quelle che non hanno effetto sull’efficienza energetica dell’immobile (come rubinetterie, sanitari, rivestimenti, finiture…).

Sono inoltre agevolabili le spese per l’installazione di termocamini, caldaie a legna, condizionatori, senza particolari requisiti prestazionali (salvo il minimo di legge).

Sempre con il 50% possono essere agevolati interventi di installazione di impianti fotovoltaici a servizio dell’abitazione. Sono inoltre agevolabili anche le spese per mobili e grandi elettrodomestici (a basso consumo) purché destinati all’immobile in ristrutturazione per un massimale di spesa di 10.000 euro.

Con il 65% sono agevolabili in particolare le spese per:

·         sostituzione caldaie con nuove a condensazione (e installazione valvole termostatiche) e tutte le spese direttamente connesse all’intervento (anche per contemporanea realizzazione di impianti a pavimento, rifacimento delle linee o sostituzione radiatori)

·         sostituzione caldaie con pompe di calore ad alta efficienza (la caldaia esistente va però dismessa, può essere lasciata per la sola produzione di acqua calda)

·         sostituzione caldaie con sistemi ibridi (caldaia+pompa di calore)

·         sostituzione caldaie con caldaie a biomassa (con elevata efficienza e determinate caratteristiche prestazionali)

·         installazione pannelli solari (termici) per produzione di acqua calda sanitaria e/o riscaldamento ambienti

·         installazione di pompe di calore per produzione di acqua calda sanitaria

·         sostituzione infissi con nuovi ad elevate prestazioni e interventi di isolamento termico

·         installazione di schermature solari

·         isolamento termico delle strutture edilizie esistenti (cappotto termico, rifacimento coperture su locali riscaldati, isolamento solai, etc...)

Nel caso di installazione di pompe di calore senza dismissione dell’impianto termico esistente è possibile fruire della detrazione del 50% seguendo la procedura per le detrazioni per ristrutturazione edilizia.

Anche le spese tecniche correlate all'intervento e le imposte rientrano nelle spese detraibili con entrambe le agevolazioni.

Quali sono gli adempimenti richiesti?

Per poter richiedere la detrazione del 50% è necessario presentare una pratica edilizia in Comune a firma di tecnico abilitato prima dell’inizio dei lavori.

Per poter richiedere la detrazione del 65% è necessario l’invio di una pratica all’Enea e in generale l’asseverazione dell’intervento a firma di un tecnico che verifichi la rispondenza dell’intervento ai requisiti richiesti.

Per entrambe le agevolazioni è necessario effettuare i pagamenti tramite specifico bonifico bancario (da richiedere esplicitamente alla propria banca).

La documentazione raccolta, comprese le asseverazioni a firma del tecnico incaricato, andrà poi consegnata al proprio consulente fiscale/caaf entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Per ulteriori informazioni, consulenze, progetti di ristrutturazioni, riqualificazioni e pratiche per l'accesso alle detrazioni del 50% e 65% (compreso invio dei dati all'Enea) non esitate a contattarci allo 0735.568366 o 0735.584088 (oppure via email tramite il form in calce). Operiamo su tutto il territorio nazionale!

Per gli installatori e operatori del settore riserviamo convenzioni con tariffe agevolate e servizio personalizzato per la propria clientela. Passate a trovarci in ufficio in Via D'Annunzio 36 c/o DESIGN a San Benedetto del Tronto (AP)!

...

Sei qui Detrazioni fiscali 50-65 %